Articoli

Regione Lazio: Open Week Astrazeneca over18

Disponibili da ora ticket virtuali aggiuntivi per le giornate di sabato 5 e domenica 6 giugno.

Per tutte le informazioni relative ai punti di somministrazione e gli orari vai su: OPEN DAY

Per ritirare il ticket virtuale, fino ad esaurimento disponibilità, vai su: UFIRST

FONTE: SALUTE LAZIO

Per prenotarsi: PRENOTA VACCINO COVID-19

Tutte le info: SALUTE LAZIO

OPEN DAY VACCINAZIONI ASTRAZENECA COVID-19: LE INFO

SABATO 15 E DOMENICA 16 MAGGIO

OPEN DAY ASTRAZENECA CON TICKET VIRTUALE PER GLI OVER 40 (nati nel 1981 e anni precedenti)

Per la vaccinazione è necessario presentarsi muniti di ticket virtuale e tessera sanitaria.

Le vaccinazioni verranno eseguite presso i punti vaccinali sotto riportati, negli orari indicati, fino ad esaurimento delle dosi disponibili.

Per la vaccinazione è necessario presentarsi muniti di ticket virtuale e tessera sanitaria.

Con il ticket virtuale è consentito lo spostamento per raggiungere il punto di somministrazione e il rientro nella propria abitazione durante le ore del coprifuoco.

Per ritirare il ticket virtuale e visualizzare le altre info clicca qui: SALUTE LAZIO

OPEN DAY ASTRAZENECA PER GLI OVER 40 – PROVINCIA DI LATINA

Si svolgerà nelle giornate di sabato 15 e domenica 16 maggio l’open day a Latina e Formia durante il quale verrà somministrato il vaccino Astrazeneca agli over 40 (nati nel 1981 ed anni precedenti). Eventuali modalità di accesso saranno comunicate successivamente. Le somministrazioni del vaccino Astrazeneca saranno effettuate presso le sedi vaccinali di:
 Latina
Presso il Teatro San Francesco in via dei Cappuccini, dalle ore 19:00 alle ore 24:00 del 15 e 16 Maggio 2021. Numero 300 dosi stimate al giorno;
 Formia
Presso l’Amministrazione Provinciale in via Olivastro Spaventola, dalle ore 19:00 alle ore 24:00 del 15 e 16 Maggio 2021. Numero 200 dosi stimate al giorno.

Fonte: ASL LATINA

Regione Lazio: dal 6 aprile nuovo piano Ristori

MISURE DI SOSTEGNO AL REDDITO DI 600 EURO PER COLF E BADANTI, LAVORATORI DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO, COLLABORATORI SPORTIVI, LAVORATORI DEL SETTORE TURISTICO, TITOLARI DI PARTITE IVA

DOMANDE A PARTIRE DAL:

6 APRILE PER COLF E BADANTI;

7 APRILE PER LAVORATORI DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO;

8 APRILE PER I COLLABORATORI SPORTIVI, PER GLI OPERATORI DEL SETTORE TURISTICO E I TITOLARI DI PARTITE IVA

L’AVVISO PUBBLICO:

Il prolungarsi della crisi economica e sociale derivante dagli effetti del COVID-19 sulle condizioni di vita e professionali di larga parte della popolazione appartenente a tutti i ceti produttivi ha evidenziato, nel corso dell’annualità 2020 e ancora oggi, alcune criticità ancora più marcate e drammatiche concentrate ancora una volta sulle professioni legate ai servizi di assistenza familiare e domiciliare, sui lavoratori già interessati da fenomeni di instabilità e incertezza occupazionale, sui lavoratori del mondo dello spettacolo e dello sport nonché sul comparto del lavoro autonomo a
basso reddito.
A circa un anno dall’introduzione delle misure restrittive per il contrasto della pandemia da COVID19, nonostante siano stati posti in atto interventi sia di carattere generalista sia più mirati a target specifici, si rende ancora necessaria un’azione coordinata e incisiva per contrastarne e mitigarne gli effetti economici, ma anche sociali e per rafforzare le traiettorie di rilancio economico e sociale regionale, mobilitando tutte le risorse disponibili.
Per far fronte a tale situazione ed anche in sintonia con quanto si va disponendo a livello nazionale, la Regione ha scelto di rafforzare strumenti e misure in grado di dare una risposta immediata a sostegno dei lavoratori e del sistema produttivo laziale, mobilitando le economie di liquidità disponibili nella dotazione dei fondi strutturali e di investimento europei dei Programmi operativi FSE e FESR del Lazio.
La Regione Lazio intende così dare continuità alle misure di sostegno del Piano “GENERAZIONI Emergenza Covid-19” – Avviso pubblico Multi misura e multi target denominato “Un ponte verso il ritorno alla vita professionale e formativa: misure emergenziali di sostegno economico per i soggetti più fragili ed esposti agli effetti della pandemia” approvato con Determinazione Dirigenziale n. G05062 del 29/04/2020 e delle successive integrazioni come da Determinazione Dirigenziale n. G09567 del 13/08/2020.
La prima edizione dell’Avviso – che viene annoverato come una delle più importati iniziative di incentivazione diretta lanciate durante il COVID – ha sostenuto circa 80.000 cittadini e cittadine residenti e/o domiciliate nel Lazio rientranti in categorie in quel momento non ancora adeguatamente sostenute dalle misure di sostegno attivate a livello nazionale.
La continuità d’azione intrapresa con il presente Avviso era già definita peraltro nella citata Determinazione G05062/2020 che, infatti, prevedeva di intervenire anche con ulteriori finalità qualora tale situazione emergenziale si fosse prolungata oltre il raggio di azione dell’intervento multi misura.
I destinatari delle Misure sono caratterizzati da scelte motivate dalle analisi di contesto propedeutiche all’emanazione dell’Avviso e dagli stimoli raccolti presso le principali organizzazioni di rappresentanza dei lavoratori e delle imprese, come nel caso di badanti e colf e da nuovi target come i professionisti dello spettacolo e i collaboratori sportivi e, più in generale, i possessori di Partita IVA.

A tal proposito il presente Avviso, infatti, oltre a sostenere i target indicati, a valere sul Fondo Sociale Europeo, include una misura ad hoc dedicata ad erogare contributi a fondo perduto ai lavoratori autonomi dei settori particolarmente colpiti dalla crisi economica, prevedendo così il coinvolgimento del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR).
Si intende in tal modo attivare una nuova occasione di programmazione unitaria tra Assessorati, attraverso la co-progettazione dell’intervento tra la Direzione Regionale Istruzione, Formazione e Lavoro (AdG del POR FSE) e la Direzione per lo Sviluppo Economico, le Attività produttive e la Ricerca (AdG del POR FESR) che sta rappresentando un tratto distintivo in fase di chiusura della programmazione 2014-2020, in previsione di rafforzare scelte strategiche comuni, ancorché all’interno di aree di specializzazione distinte, da attuare attraverso meccanismi di condivisione
procedurale anche per il periodo 2021-2027.

IN ALLEGATO:

L’ATTO;

L’AVVISO PUBBLICO;

MISURA DI SOSTEGNO AL REDDITO PER COLF/BADANTI;

MISURA DI SOSTEGNO AL REDDITO PER LAVORATORI DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO;

MISURA DI SOSTEGNO AL REDDITO PER COLLABORATORI SPORTIVI;

MISURA DI SOSTEGNO AL REDDITO PER LAVORATORI DEL SETTORE TURISTICO;

MISURA DI SOSTEGNO ALLE PARTITE IVA


.

Covid-19: Decreto Legge per il contrasto del virus dopo il periodo natalizio





Considerato l’evolversi della situazione epidemiologica, del carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia e dell’incremento dei casi e dei decessi;
Ritenuta la straordinaria necessità e urgenza di emanare nuove disposizioni per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, adottando adeguate e proporzionate misure di contrasto e contenimento alla diffusione del predetto virus, anche a seguito delle festività natalizie e di inizio anno nuovo, viene emanato il Decreto Legge del 5 gennaio 2021, n.1

  1. Dal 7 al 15 gennaio 2021 è vietato, nell’ambito del territorio nazionale, ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma.
  2. Nei giorni 9 e 10 gennaio 2021 sull’intero territorio nazionale, ad eccezione delle Regioni cui si applicano le misure di cui all’articolo 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020, si applicano le misure di cui all’articolo 2 del decreto del Presidente
    del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020, ma sono consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi
    di provincia.
  3. Fino al 15 gennaio 2021 nelle regioni in cui si applicano le misure di cui all’articolo 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020 è altresì consentito lo spostamento, in ambito comunale, verso una sola abitazione privata una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 05,00 e le ore 22,00, e nei limiti di due persone, ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la potestà genitoriale e alle
    persone disabili o non autosufficienti conviventi. Per i comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti lo spostamento di cui al presente comma è consentito anche per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.